Riflessi Mentali

Nel Thar

Lamariel, Jihh, Azim e Dwimbar lasciano Melvaunt, dopo aver comprato un po’ di equipaggiamento utile al viaggio e avere raccolto abbastanza sommariamente informazioni sui rampolli scomparsi. Una volta usciti dalla porta nord della città, è divenuto immediatamente apparente che la strada che attraversa le brughiere gelide e nebbiose che conduce a Glister, è in realtà poco piu che una macchia indistinta che si perde nella foschia. E’ probabile che qualche volta sia stato provato a lastricare la strada, ma il terreno soffice e umido ha lentamente inghiottito le pietre lasciando solo alcuni segni indistinti. Spingendo i cavalli verso nord, i nostri entrano in zone ancora piu fredde e paludose, con foschie talmente fitte che è difficile vedere se non a pochi passi. Si accampano per una notte nei pressi di un acquitrino, circondati da alberi controrti le cui radici emergono dal pelo dell’acqua coperte di vegetazione limacciosa. La notte prosegue senza problemi ma il pomeriggio del giorno dopo fuggono appena in tempo da due grossi troll che sono usciti silenziosi come caimani dall’acqua. Alla fine del secondo giorno di viaggio, i nostri trovano tracce di una strada secondaria che portano lontano dalla strada verso nord. Durante la notte però vengono attaccati da due uomini lupo.

Acquitrini nel Thar... in pieno giorno

La strada secondaria porta alla brughiera aperta, questa volta costellata da antiche costruzioni in rovina, poco piu che cumuli cavi di macigni alti tre metri. Seguendo una pista appena visibile dopo l’acquazzone della notte, i nostri arrivano alle rovine di un vecchio villaggio dove trovano cadaveri freschi di orchi che stanno venendo spolpati da alcuni corvi… e da un mostruoso tirannosauro!

Comments

MToscan

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.